Campagna finanziata con il contributo dell'Unione Europea e dell'Italia
Facebook  Flickr  YouTube       DA | FR | IT | NL

LE TECNICHE DI COLTIVAZIONE

   Aggiungi ai Preferiti / Condividi
  LE TECNICHE DI COLTIVAZIONE

L'olivicoltura italiana, presente in 72 province su oltre 1 milione di ha, è praticata in condizioni ambientali e colturali molto diverse. Ai fini della gestione dell'oliveto gli aspetti economici e sociali hanno un ruolo altrettanto importante di quelli agronomici, in quanto l'olivo svolge spesso anche funzioni produttive, importanti compiti di conservazione del territorio e del paesaggio mediterraneo (suolo, sistemazioni collinari, biodiversità). La conduzione a tempo parziale dell'olivicoltura è diffusa e rappresenta la forma principale in aree marginali, talvolta così estese da interessare intere regioni come nel caso della Liguria. La qualità dell'olio extra-vergine di oliva nasce in campo a partire da olive sane, integre, ad un giusto grado di maturazione. Le successive fasi di conservazione delle olive, di trasformazione in olio e di stoccaggio dell'olio possono al massimo conservare il potenziale qualitativo iniziale, ma non consentono di ripristinare caratteristiche compromesse da una scadente qualità della materia prima.
 
SUOLO E CLIMA
La coltivazione dell'olivo è indissolubilmente legata al clima mediterraneo, caratterizzato da inverni miti, estati calde e secche e precipitazioni concentrate nel periodo autunno-primaverile. Per quanto riguarda il terreno, l'olivo non ha particolari esigenze di pH, tessitura o fertilità; si adatta bene anche a terreni calcarei e poco fertili, purché drenati, privi di ristagni di umidità e non eccessivamente compatti.
 
DIFESA DA PARASSITI E MALATTIE
La difesa dell'oliveto non richiede un numero elevato di interventi e, soprattutto nei climi freschi, si possono produrre olive sane con al massimo due trattamenti antiparassitari all'anno. L'insetto chiave in tutte le regioni italiane è la mosca delle olive (Bactrocera oleae), le cui larve scavano gallerie nel frutto alimentandosi della polpa. I danni sono di sottrazione di prodotto, scadimenti qualitativi per contaminazioni microbiche ed ossidazioni, e cascola precoce dei frutti nei casi più gravi. Parassiti minori, ma che possono risultare molto nocivi in particolari condizioni, sono la cocciniglia mezzo grano di pepe (Saissetia oleae), la tignola (Prays oleae), la tignoletta (Palpita unionalis), il rodilegno giallo (Zeuzera pyrina L.) e l'oziorrinco (Otiorrhynchus cribricollis). Altre specie di insetti possono occasionalmente produrre danni gravi agli oliveti, ma di solito vengono controllati naturalmente dalle condizioni ambientali e dall'entomofauna utile. Tra le malattie fungine le più frequenti sono l'occhio di pavone (Spilocea oleagina), la piombatura (Mycocentrospora cladosporioides) e la verticilliosi (Verticillium dahliae), che colpisce soprattutto gli oliveti irrigui e i nuovi impianti. La batteriosi più diffusa è la rogna (Pseudomonas savastanoi).
 
  VARIETA'

Un'indagine commissionata dalla FAO e pubblicata nel 1998 riporta 538 varietà autoctone italiane su un totale di 1275 nel mondo, la Spagna, il primo paese produttore di olio al mondo, conta 183 varietà autoctone, seguita dalla Grecia con 52. La varietà influisce sensibilmente sull'accrescimento e sul portamento dell'albero, sulla resistenza a malattie, parassiti e fattori ambientali, sull'entrata in produzione, sulla produttività, sulle caratteristiche dell'oliva e dell'olio, sull'epoca e scalarità di maturazione dei frutti, sul processo di accumulo dell'olio. La varietà non è modificabile, se non a costi proibitivi in oliveti esistenti. Nei nuovi impianti la scelta deve tener conto dell'auto-incompatibilità riproduttiva di molte varietà e degli obiettivi qualitativi che si vogliono perseguire. Sebbene sia possibile produrre oli extra vergini di oliva di alta qualità con qualsiasi varietà di olivo, le differenze varietali nel contenuto in componenti minori dell'olio e nel profilo organolettico possono essere enormi. La varietà influisce soprattutto sulla composizione in acidi grassi, sul rapporto tra acidi grassi insaturi e saturi, sul contenuto in composti fenolici e sui composti volatili ad impatto sensoriale che si sviluppano durante la trasformazione delle olive in olio.
 
  DENSITA' DI PIANTAGIONE

La densità di impianto varia molto a seconda delle condizioni di suolo e clima. Nel passato l'olivo era spesso consociato ad altre colture con densità di impianto molto basse e raramente superava i 200 alberi ad ettaro. Moderni oliveti intensivi hanno di solito una densità compresa tra 300 e 600 alberi ad ettaro. L'aumento del numero di alberi per unità di superficie in olivicoltura porta vantaggi produttivi soprattutto nei primi anni dall'entrata in produzione, ma i costi iniziali di impianto e gestione sono maggiori. Di recente si stanno diffondendo, soprattutto all'estero, oliveti ad altissima densità di oltre 1000 piante/ha per la raccolta in continuo con macchine scavallatrici del filare. La verifica della sostenibilità e della durata produttiva di questi oliveti oltre i 10 anni di età richiedono ulteriore sperimentazione
 
POTATURA
La potatura è una pratica costosa, ma indispensabile che deve essere eseguita tenendo conto delle prerogative biologiche dell'olivo, tra cui il portamento naturale della specie e della varietà, l'elevata attività vegetativa, le tipologie di gemme e rami, il modo di fruttificare prevalentemente sulle infiorescenze ascellari dei rami misti, l'alternanza di produzione. Inoltre, per potare correttamente bisogna considerare l'età, la produttività, lo sviluppo vegetativo, lo stato fito-sanitario ed eventuali sintomi di squilibrio o deperimento dell'albero (e.g. eccessiva emissione di rami succhioni). La potatura non influisce sulle caratteristiche analitiche, organolettiche e salutistiche dell'olio, purché sia eseguita in modo da consentire una buona illuminazione della superficie a frutto e un agevole accesso alla chioma per la difesa da parassiti e malattie.Si sta diffondendo il concetto di "potatura minima", ovvero la riduzione e semplificazione delle operazioni di potatura senza però indurre effetti negativi sulla produzione, qualità del prodotto e sostenibilità dell'oliveto.Dal punto di vista tecnico la potatura viene eseguita mediante tagli di eliminazione o di ritorno nel periodo compreso tra la fine dell'inverno e la primavera fino al completo allungamento delle infiorescenze. L'intensità di potatura aumenta con l'età dell'albero, per cui è più leggera in fase di allevamento e più severa in oliveti vecchi o deperiti. Potature severe durante la fase di allevamento sono errate in quanto riducono il potenziale di crescita dell'albero, stimolano l'emissione di rami a legno vigorosi e allungano il periodo improduttivo. La potatura di alberi vecchi, di scarso vigore, deperiti per abbandono o traumi deve essere severa per stimolare l'accrescimento vegetativo e il rinnovo dei rami a frutto. Negli interventi di ricostituzione, così come nella potatura di produzione, viene effettuata l'asportazione dei polloni almeno una volta all'anno.
 
FORMA DI ALLEVAMENTO

La forma di allevamento è il risultato del portamento dell'olivo e delle operazioni di potatura che si sono succedute negli anni. La scelta della forma di allevamento viene fatta prima dell'impianto dell'oliveto e deve essere basata principalmente sul tipo di raccolta che si vorrà attuare. Per la raccolta meccanica con vibroscuotitori è necessario formare un tronco unico privo di ramificazioni laterali per almeno 1 m dal suolo (1,3 m se si vogliono impiegare scuotitori con telaio intercettatore). Per la raccolta manuale o con attrezzi agevolatori portati dall'operatore non è necessario impalcare le piante su un unico fusto.La forma di allevamento più diffusa nell'olivicoltura italiana è quella a vaso, che presenta numerose varianti. Alberi allevati a vaso hanno di solito un fusto unico di altezza variabile da cui si dipartono da tre a sei branche diversamente orientate nello spazio per intercettare la massima quantità di radiazione luminosa. La parte centrale della chioma viene potata in modo da lasciare un varco ampio per la penetrazione della luce. Altre forme di allevamento sono il monocaule e il cespuglio. Nel monocaule l'asse principale dell'albero viene mantenuto con alcuni tagli di diradamento durante la fase di allevamento. Le branche primarie sono selezionate tra quelle formatesi spontaneamente e vengono periodicamente potate con tagli di ritorno o eliminate per il rinnovo della superficie fruttificante. Il cespuglio è una forma che richiede pochissima potatura durante la fase di allevamento, ma non è adatta per la raccolta meccanica.Indipendentemente dalla forma di allevamento è importante che l'altezza della chioma non superi i 5 m in modo da consentire l'esecuzione delle operazioni di potatura, difesa e raccolta da terra, avvalendosi anche di attrezzi agevolatori portati su aste.
 
GESTIONE DEL SUOLO
Comprende le lavorazioni del terreno, il controllo delle infestanti o dell'eventuale prato e la distribuzione dei fertilizzanti e influisce sulle proprietà fisiche e sugli equilibri chimici e microbiologici del suolo, mentre non sono noti effetti diretti sulla qualità dell'olio. Una corretta gestione consente di migliorare la regimazione idrica, favorendo l'infiltrazione e riducendo lo scorrimento superficiale delle acque, aspetto molto importante considerato che il 73% degli oliveti italiani si trova in collina o in montagna.La tecnica più diffusa è la lavorazione periodica che riduce la competizione delle infestanti, ripristina la porosità superficiale del suolo, consente l'infiltrazione in profondità della pioggia e l'interramento dei concimi. Le lavorazioni vengono fatte con attrezzi superficiali in modo da limitare i danni all' apparato radicale dell'olivo. Un metodo efficace ed economico per il controllo delle infestanti è il diserbo con prodotti chimici, che però risulta deleterio per la fertilità del suolo. Oggi si preferiscono metodi conservativi di gestione del suolo meno aggressivi per l'ambiente, in modo da ridurre l'erosione, preservare la struttura e limitare il compattamento del suolo.L'inerbimento permanente totale o parziale dell'oliveto è consigliato in are
 
CONCIMAZIONE
L'olivo è considerato una specie frugale per gli elementi nutritivi, ma in realtà ha elevate esigenze in azoto, potassio, fosforo e boro e si adatta bene ai terreni calcarei. Le concimazioni servono a reintegrare gli elementi minerali perduti con le asportazioni (frutti raccolti, legno di potatura, foglie cadute) o utilizzati per sostenere la crescita dei vari organi. I fabbisogni nutritivi variano con l'età e la fase fenologica dell'albero. In fase di allevamento, la concimazione riguarda prevalentemente l'azoto, distribuito frazionato durante la stagione di crescita e localizzato sulla fila. La concimazione di produzione include 2-3 interventi con azoto a partire dal germogliamento in modo da assicurarne un'ampia disponibilità per lo sviluppo del ramo e per la fioritura ed almeno due applicazioni con concimi contenenti fosforo e potassio. I concimi possono essere dati al suolo, alla chioma, con l'acqua di irrigazione (fertirrigazione) Il metodo più diffuso è la concimazione al suolo.e con una certa piovosità e in oliveti dotati di impianto irriguo. La presenza del prato, infatti, esercita competizione per l'acqua e gli elementi nutritivi nei confronti degli apparati radicali dell'olivo. I vantaggi dell'inerbimento consistono nell'aumentare la portanza del suolo al transito delle macchine, ridurre l'azione battente della pioggia, l'erosione e lo scorrimento superficiale dell'acqua, e apportare sostanza organica nel suolo.
 
IRRIGAZIONE
Nonostante l'olivo sia la coltura arborea da frutto più resistente alla carenza idrica, esso beneficia notevolmente dell'irrigazione. I vantaggi sono tanto maggiori quanto più arido è il clima e poco profondo o sabbioso il terreno. La maggiore diffusione degli impianti irrigui si ha, quindi, nelle regioni dell'Italia meridionale ed insulare ove il lungo periodo di aridità estiva limita notevolmente la produttività dell'oliveto.Un'elevata disponibilità idrica nel suolo nel corso della stagione di crescita aumenta la produzione, la pezzatura, il rapporto polpa-nocciolo e il contenuto in olio delle olive espresso in percentuale di peso secco. Sebbene sia possibile produrre oli extra vergini di oliva in assenza di irrigazione, l'irrigazione consente di migliorare e diversificare la qualità dell'olio. Dal punto di vista organolettico, le sensazioni di amaro e di piccante dell'olio si attenuano all'aumentare della quantità di acqua somministrata. Siccome l'acqua è scarsa nelle regioni olivicole italiane, l'impiego di questa risorsa deve essere ottimizzato erogandola con metodi localizzati (e.g. a goccia), che riducono le perdite di acqua per evaporazione, e secondo protocolli di irrigazione in deficit controllato, cioè mediante la somministrazione di volumi di acqua inferiori al fabbisogno giornaliero della pianta.
 
RACCOLTA

La raccolta può essere effettuata a mano direttamente dall'albero (brucatura), con attrezzi agevolatori, con macchine vibroscuotitrici del tronco o scavallatrici del filare. La raccolta delle olive cadute per cascola naturale o attacchi parassitari, eseguita a mano o con macchine spazzatrici da terra, pregiudica quasi sempre l'ottenimento di oli extra vergini di oliva in quanto i processi ossidativi che hanno luogo in frutti sovra-maturi o danneggiati peggiorano le caratteristiche sensoriali e salutistiche dell'olio. Scadimenti qualitativi significativi si hanno anche raccogliendo le olive cascolate su reti.La brucatura assicura l'integrità dei frutti e non pone vincoli per l'epoca di raccolta, ma è il metodo di raccolta più costoso. Un'ottima alternativa alla brucatura è la raccolta con attrezzi agevolatori, che può anche raddoppiare la capacità oraria di raccolta, si adatta a qualsiasi forma di allevamento e sistemazione dell'oliveto e non richiede elevati investimenti di capitale. La raccolta meccanica delle olive con vibroscuotitori del tronco è un metodo collaudato che consente di raccogliere elevate quantità di prodotto per unità di tempo. L'operazione di scuotitura è rapidissima, mentre la movimentazione dei teli e il recupero delle olive raccolte richiedono tempo; macchine vibro-scuotitrici dotate di telaio intercettatore consentono di migliorare notevolmente le prestazioni del cantiere di raccolta, ma richiedono olivi distanziati di almeno 4.5 m sulla fila per poter lavorare agevolmente. La raccolta con macchine scavallatrici del filare è il metodo più rapido. Richiede elevati investimenti iniziali di capitale ed oliveti ad altissima densità appositamente progettati con idonee varietà, ma consente di raccogliere tempestivamente ampie superfici.La raccolta delle olive con vibro-scuotitori del tronco non altera la qualità dell'olio rispetto alla brucatura se le olive sono allo stesso stadio di maturazione. La raccolta meccanizzata con pettini pneumatici o elettrici può risultare in danni qualitativi, non tanto per le lesioni provocate sulle olive direttamente dai pettini quanto per lo schiacciamento dei frutti sulle reti di raccolta a causa del calpestio di operatori disattenti.